Parte il campionato: prima giornata ricca di sorprese

0
785

Finalmente le polemiche dell’estate sono state messe da parte, almeno per 90 minuti, e il campionato di Serie A 2012-2013 è iniziato. La prima giornata non è stata ricca soltanto di conferme ma anche sopratutto di sorprese, tra tutte la vittoria di misura della Sampdoria su un deludente Milan, a San Siro.

La sconfitta del Milan di Allegri è il risultato che fa più notizia, la convinzione dei delusi tifosi rossoneri è che sia il normale epilogo di una campagna acquisti disastrosa, che tuttavia, per il club di via Turati potrebbe entrare nel vivo in questi ultimi giorni di mercato con l’arrivo di Kakà e Diarrà dal Real Madrid, sebbene Allegri richieda a gran voce una punta.

Se una parte di Milano piange, l’altra fa festa, l’Inter ha battuto con un rotondo 3-0 il Pescara, a sorpresa è stato schierato dal primo minuto l’ex milanista Cassano, protagonista dei gol nerazzurri. Stramaccioni vuole dimostrare di non essere seduto a caso su una delle panchine più scottanti della Serie A, di sicuro ha iniziato col piede giusto.

Una delle squadre più attese nella serata di ieri era senza dubbio la Roma di Zeman, questa non è riuscita ad andare oltre un 2-2 contro un ottimo Catania, tuttavia si sono visti ampi momenti di gran gioco e sopratutto due gol favolosi firmati da Osvaldo e Nico Lopez. I cugini di Roma della Lazio invece sono usciti col bottino pieno dal difficile campo di Bergamo, superando l’Atalanta per 1-0 con gol di Hernanez. Un dolce esordio per l’allenatore Petkovic, una delle grandi incognite di quest’anno.

La Juventus che ha vinto a mani basse sabato, per 2-0 contro un modesto Parma, ha forse già inquadrato quelle squadre che con lei si contenderanno il titolo iridato quest’anno, senza dubbio un occhio di riguardo va al Napoli di Mazzarri, i partenopei hanno affondato con uno secco tre a zero l’abulico Palermo di un furioso Sannino. Chi sa se tra le sorprese di quest’anno ci sarà anche la Fiorentina, sarebbe un gradito ritorno tra le big del calcio per la squadra di Firenze che ha in Jovetic la propria bandiera e il proprio fuoriclasse, due gol del serbo hanno infatti consentito ai viola di superare per 2-1 la forte Udinese di Guidolin e Di Natale.

È partito bene anche il Genoa, i grifoni hanno scacciato via i fantasmi dell’anno passato battendo per 2-0 in casa un Cagliari troppo sprecone. Da segnalare l’esordio con gol del promettente Ciro Immobile, scuola Juve, è stato uno dei fautori della promozione in A del Pescara di Zeman. Bella anche la vittoria del Chievo, guidati dal capitano Pellissier i veronesi hanno superato per 2-0 uno frastornato Bologna che non ha saputo sfruttare l’estro dei suoi pupilli, negativa la prova di Diamanti. Unico zero a zero della partita è stato il pareggio tra Torino e Siena, una partita tutto sommato priva di nitide occasioni da rete.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.