A natale mal di gol…a fatale!!!

0
537
devis mangia
devis mangia

Gli scomodi paragoni con Wenger, quanto a longevità sulla panchina rosanero, perché doveva imitare il cursus honorum della vecchia volpe transalpina, rimanere per anni incollato alla panchina più scottante dell’intero calcio italiano, questo secondo le parole del presidente Zamparini, che aveva pronosticato un futuro da manager all’insegna del dialogo, potere decisorio sul mercato proprio come in Inghilterra fanno. Da Wenger a Guardiola, a scomodare un altro astro del calcio ci pensa sempre il solito vulcanico Zamparini, per la giovane età e per la sua mania di curare qualsiasi particolare, sempre più convinto che i fenomeni della panchina in alcune circostanze nascono lì per caso, da una naturale intuizione di qualcuno di voler rischiare su un tecnico emergente, salvo poi rimangiarsi tutto e sollevarlo dall’incarico la settimana di natale. Dopo i primi risultati convincenti, eccolo manifestare ai quattro venti la sua smania di voler rinnovare il contratto al tecnico, perche lo ha stregato, perche lo spogliatoio ha dato il suo benestare ad un progetto a media lunga scadenza con l’ex varesino. Parole e musica del primo tifoso rosanero in virtù di un’incoerenza calcistica al limite del normale, che ha già mietuto abbastanza vittime nel corso dei suoi 30 anni di calcio. Mangia tra le mura amiche 6 vittorie su 7, un andamento oltre le più rosee previsioni,  che contrasta con un’involuzione paradossale in trasferta, fino ad ora è vuota la casella dei gol fatti lontano dal Barbera, dunque 0 gol e 0 vittorie, un Palermo dalle due facce, troppo bello in casa, non pervenuto fuori. Sotto l’albero nessun panettone, ma una bella letterina d’addio, esonerato dopo il derby con il Catania, giocato male e finito peggio, un 2 a 0 senza attenuanti che lascia e non poco perplessi gli addetti ai lavori, perché alle bollicine casalinghe seguono solo schiaffi a destra ed a manca. Mal di gol e mal di trasferta, hanno generato un mal di pancia difficilmente placabile, cambiare in corsa, una normale consuetudine, dopo Pioli, salta Mangia, arriva Mutti con la prospettiva di mangiare almeno la colomba, Palermo incrocia le dita, la panchina dei mille padroni ha trovato un altro usufruttuario.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.