Juve: che fine hanno fatto?

0
448
Alessandro Matri
Alessandro Matri

La campagna acquisti estiva della Vecchia Signora è stata abbondante e costosa: quasi 80 milioni spesi fra riscatti e nuovi acquisti. La rosa di Conte è ampia, ma in campo trovano spazio quasi sempre gli stessi 11. In difesa non si hanno notizie di Motta e Sorensen, mai utilizzati fino ad ora, nè di De Ceglie, a cui il tecnico leccese preferisce sitematicamente Chiellini o Grosso. Per quanto riguarda i centrocampisti pochissimo spazio per Pazienza, impiegato per un solo minuto nella gara contro il Milan. Se per l’ex napoletano tuttavia era preventivabile una stagione da riserva, certamente non era prevedibile che nuovi acquisti come Elia o Estigarribia restassero, almeno finora, ai margini. L’olandese è stato impiegato e sostiutito solo nella gara di Catania, mentre il paraguaiano ha fatto ieri contro il Chievo il suo esordio in Serie A, ma soltanto per subentrare all’infortunato Giaccherini che a sua volta aveva sostituito Krasic. A proposito del serbo, quanta fatica per inserirsi negli schemi di Conte! Voci di mercato parlano addirittura di una sua possibile partenza a gennaio. Ma veniamo all’attacco: l’unico insostituibile nei piani di Conte è Vucinic,  Del Piero quando viene impiegato è sempre  uno dei migliori. Non si capisce quali siano però le ragioni del’accantonamento di Matri, che dopo essere partito titolare nei primi match di campionato è rimasto in panchina nelle ultime due gare. Panchina che rappresenta l’unica collocazione di Quagliarella fino ad oggi: l’ex partenopeo fatica a recuperare psicologicamente dall’infortunio ai legamenti crociati rimediato a gennaio scorso. Non si hanno infine tracce di Toni e Iaquinta, per lo più relegati in tribuna in questo inizio campionato. La Juve comunque è prima in classifica  e

pertanto i tifosi mai si sognerebbero di criticare ora le scelte di Conte, anche se una rosa così ampia per una sola competizione da giocare potrebbe essere alla lunga un problema a causa dell’insorgere di qualche malumore tra i calciatori poco impiegati.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.